conferenze 2014-15-16-17-18-19

 

Martedì 17 dicembre, ore 14,00 aula D Terese

conferenza di Sandro Marpillero

APPARATI AMBIENTALI

476_19 Apparati Ambientali (Renato Bocchi).jpg

476_19 Apparati Ambientali (Renato Bocchi) (1)

 

Ciclo di conferenze NOVEMBER TALKS 2019

November Talks ITA jpg

vedi: http://www.iuav.it/Ateneo1/eventi-del/2019/November-T/index.htm

 

 

Martedì 5 novembre 2019, ore 14,00, aula D, Terese

conferenza di Pablo Llamazares Blanco

388_19 Lo spazio specifico di Donald Judd (Renato Bocchi)

 

 

lunedì 22 ottobre 2018, ore 14,00

SPECIE DI SPAZI

ESPERIMENTI IN UNO SPAZIO VUOTO

conferenza di:

Jorge Ramos Jular
E.T.S. Arquitectura. Universidad de Valladolid

337_18-Specie-di-spazi_22-ottobre-2018

venerdì 19 ottobre 2018 – ore 16,00

Biblioteca Iuav Tolentini

Presentazione del libro di Robert McCarter, GRAFTON ARCHITECTS, Phaidon Pbs

grafton

martedì 9 ottobre 2018

LO ZODIACO DI NAVARRO BALDEWEG. BILANCIO DI UNA MOSTRA

conferenza di Ignacio Moreno Rodriguez, Universidad de Zaragoza

introduce Elisabetta Barisoni, Ca’ Pesaro, Galleria internazionale d’arte moderna

giovedì 11 ottobre 2018

TRA ARTE E ARCHITETTURA, DIALOGO CON MARK WIGLEY

CUTTING MATTA-CLARK: THE ANARCHITECTURE INVESTIGATION

le pietre del cielo
Luigi Ghirri e Paolo Icaro
a cura di Chiara Bertola e Giuliano Sergio
Venezia, Fondazione Querini Stampalia
Giornata di studio
24 gennaio 2018, ore 15

Programma:

Ghirri_ Icaro_ Giornata studio 24 gennaio_ comunicato stampa

Lunedì 18 dicembre 2017, ore 14,30

Lunedì 18 dicembre il corso si trasferirà a palazzo Badoer, sede del Dottorato, per partecipare al seminario su Arte e architettura indetto dai dottorandi, cui parteciperà Luca Massimo Barbero. Cfr. programma:

Il rapporto tra architetti e artisti

a talk with

Luca Massimo Barbero

18 dicembre 2017

Badoer, aula Tafuri

ore 14.30 > 19

I dottorandi della Scuola di dottorato Iuav incontrano Luca Massimo Barbero, curatore associato della Peggy Guggenheim Collection di Venezia e direttore dell’Istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Giorgio Cini.

lezione

Luca Massimo Barbero: “Fontana e gli architetti”

modera

Luka Skansi, University of Rijeka

organizzano

Andrea Ambroso, Alberto Franchini, rappresentati dei dottorandi Iuav

 image

Il ciclo di lezioni SPECIE DI SPAZI a cura di Jorge Ramos si concluderà con un workshop che si terrà presso la Galleria internazionale d’arte moderna di Ca’ Pesaro, il 30-31 gennaio e il 1 febbraio 2018. Sarà a breve comunicato il programma.

Venerdì 24 novembre 2017, ore 17,30

Tolentini, Biblioteca centrale Iuav, aula gradoni

conferenza

Robert McCarter

THE SPACE WITHIN

http://www.iuav.it/Ateneo1/eventi-del/2017/The-space-within_24-novembre-2017.pdf

————-

Martedì 17 ottobre 2017 – ore 14,00 – aula M1 – Cotonificio

Gianni Filindeu, Esercizi per la conquista dello spazio

manifesto_spazidalegare (2)

Lunedì 23 ottobre e Martedì 24 ottobre 2017 – ore 14,00 – aula B – Terese

Cora von Zezschswitz & Tilman, Re-structuring

RE-STRUCTURING (un-spaced/the passage)
This project  is a collaborative work and creative dialogue between the artists Cora von. Zezschwitz (CN/FR) and Tilman (D/US/FR).
In common linguistic use we mostly tend to refer to the term `space` as a mathematical or ‘hollow’ space rather then an experienced space. We inhabit this `mathematical` space – we dwell in it, we work in it, we are dominated by this Euclidian structure and it forms the center of our life, may it be a house or an apartment, an office or an industrial space. This ‘mathematical’ space, which is to a certain degree shaping our perception, is like a skin, which can barely be permeated, which reflects on our behavior and our relationships to us, other persons and/or objects of any kind. We cannot escape the fact of enclosure and structure, not even via architectural features enhancing the idea of peripheral vision.
The human being is always and also necessarily conditioned in his life by his behavior in relation to a surrounding space. Experienced space on the contrary is by nature unstructured, and in this way extends in all directions into infinity, even when first given as a closed finite space lacking any form of socially functional activity.
This experienced space is deeply manifested in human life. It is related to the human being by a vital relationship with subjective and objective life in it and with it, and forms an essential medium of human life and expression.
The temporary extra-muros installation, entitled RE-STRUCTURING (Un-Space), aims to investigate the subjective and objective perception of space – of concretely experienced space opposed to a measurable mathematical space. The structure in its rather raw and barren appearance recalls vaguely the outlines of a simple mathematical space transforming its volume into a spatial drawing leading towards the idea of an experienced space. In its form an ‘open’ structure, a conscious construction of space, this work is to be understood as a topos, a place of departure for this investigation – visually and mentally.
By its nature, its proposed ‘mobility’ as well as its structural fragility, the structure aims to suggest the idea of a nomadic existence rather then that of a fixed location, once the meaning of space and topos are subject to change according to various backgrounds and areas of life. The singularity of its qualities is a form of expression, a test, and realization aiming to invite the visitor to explore, experience his relation to the given open structure and reacting to it.

The structure can be seen as a place of passage or as a resting place, a place of fulfillment or as a possibility of development of thought. It can be experienced as a place of resistance as well as toeing the borderlines of spatial experience. It wants to inspire a dialogue regarding our relationship to space in its intimate, social, mental and even political dimensions.

loc Re- structuring (2)

IMG_20171023_155325IMG_20171023_155806IMG_20171023_155959IMG_20171024_143441IMG_20171024_143455IMG_20171024_143524IMG_20171024_143808IMG_20171024_144437IMG_20171024_145426IMG_20171024_145520IMG_20171024_145819IMG_20171024_150143IMG_20171024_150500IMG_20171024_151201

Dipartimento di Progettazione e pianificazione in ambienti complessi    Laurea Magistrale in Architettura e innovazione      Laboratorio integrato 2A   Progettazione architettonica e urbana                        prof.   Maura Manzelle       Progettazione urbanistica pianificazione territoriale       prof.  Leonardo Ciacci      Analisi e progettazione strutturale dell’architettura       prof.  Salvatore Russo

Dipartimento Culture del progetto   Corso di Teorie dell’architettura prof. Renato Bocchi

giovedì 26 gennaio 2017          ore 11.30     ex Cotonificio aula K

conferenza di Roberto Masiero

effimero/duraturo, innovazione/conservazione:  derive del pensiero debole nell’architettura contemporanea

presentazione di Maura Manzelle

Lunedì 9 gennaio, ore 14, si terrà in aula D  la conferenza The Price of Irony, a cura di Cesira Sissi Roselli e Piotr Barbarewicz

vedi:  the-price-of-irony_09-01

Conferenza  LENTISSIME ESPLOSIONI E ARCHITETTURE DINAMICHE, Teresa Stoppani, Leeds Beckett University, lunedì 28 novembre 2016

20161128-lentissime-esplosioni-slides

TESTI

Stoppani, Teresa (2016) ‘Architecture and Trauma’, in Y. Ataria, D. Gurevitz, H. Pedaya, Y. Neria (eds), Interdisciplinary Handbook of Trauma and Culture, Cham Zurich: Springer International Publishing, 133-149.

Abstract:  Working through the ambiguities of the concepts and definitions of “trauma” and “architecture”, the paper defines and explores the “trauma of architecture”. The effects of traumatic events on architecture are considered beyond the physical damages and destruction of its body, to understand the temporally dilated workings of trauma through architecture as a practice and a discipline, and the processes through which architecture responds to trauma using its own languages, histories and forms of representation, in an attempt to incorporate it. What are the changes that trauma produces on architecture as a discipline then, and how does trauma affect architectural discourse and forms of expression?  Transposed to architecture, the idea of trauma’s “deferred action” is applied to the time of the architectural project. A series of examples – the aftermath of the events of 9/11, architectural responses to the effects of the war in Sarajevo, and Bernard Tschumi’s theoretical work on architecture and violence – illustrate different ways in which architecture elaborates the trauma to produce not only spatially and temporally situated physical responses, but also transformations of the discipline at large, with a further deferred effect in both time and space.  Keywords: 9/11, Architecture, Deferred Action, Sarajevo (war in), Architectural Trauma, Violence of Architecture, Urbicide, Wararchitecture.

– – –

Stoppani, Teresa (2016) ‘Demolition: The Afterdrawing of Architecture’, Christina Barton, Sarah Treadwell, Simon Twose (eds), Drawing Is/Not Building, Wellington, New Zealand: Adam Art Gallery / Victoria University of Wellington, 80-81.

2015-fasnacht_demolition-afterdrawing-of-architecture_nz-20150816-copy

– – –

Stoppani, Teresa (2015) ‘Relational Architecture: Dense Voids and Violent Laughters’, in field:, vol. 6 (1) 2015,  ‘Urban Blind Spots’ (F. Kossak, T. Schneider, S. Walker, eds), Sheffield: The School of Architecture, The University of Sheffield, 97-111.  ISSN 1755-068.  www.field-journal.org

Abstract:  Starting from an analysis of Georges Bataille’s text ‘The Labyrinth’ (1935-6), this essay addresses the always changing relationship between architecture and the city, considering in particular the architectural ‘void’, as both a physical space and a disciplinary domain. In the city, architecture operates in a ‘void’ that is dense of tensions, unevenness, singularities, stratifications and movements, and must devise strategies for addressing and inhabiting these networks of relations. Focusing in particular on Peter Eisenman’s definition of the ‘interstitial’ as a spacing condition of form-form relation, and on Rem Koolhaas’s ‘strategy of the void’ and its congestion with architectural ‘junk’, this text argues that different postmodern positions on architecture in the city have addressed the ‘void’ as a space that is not feared, and therefore ‘designed’ by the architectural project, but tensioned with the potentiality of Bataille’s convulsive laughter: that destabilizing and de-compositional force that transverses relations of structured organizational contiguity, and challenges their forms with a force that travels across the (architectural) ‘void’, revealing the unstable and dynamic nature of both architecture and urban constructs.

field_stoppani_relational-architecture_2014-proof– – –

Stoppani, Teresa (2015) ‘Stilling Time’, in Heide Fasnacht. Suspect Terrain (exhibition catalogue), New York: Socrates Publishing, 18-28.

– – –

Stoppani, Teresa (2015), ‘The Fasnacht Fold’, lo Squaderno, 37, September 2015, 21-25. ISSN 1973-9141.

In Stoppani, Teresa and Brighenti, Andrea (eds) (2015) ‘Stratifications, Folds, De-stratifications’, lo Squaderno, 37, September 2015.

ISSN 1973-9141.

http://www.losquaderno.professionaldreamers.net/?p=1637

FREE DOWNLOAD FROM:

http://www.losquaderno.professionaldreamers.net/?p=1637

– – –

Stoppani, Teresa (2014), ‘Material Lines: Apocalypse, Capricci, War and Other Disasters’, The Journal of Architecture, 19:4, 511-535.

material-lines_apocalypse_capricci-etc

Stoppani, Teresa (2014), ‘Material Lines: Apocalypse, Capricci, War and Other Disasters’, The Journal of Architecture, 19:4, 511-535.

DOI: 10.1080/13602365.2014.953190

http://dx.doi.org/10.1080/13602365.2014.953190

– – –

Stoppani, Teresa (2012), ‘The Architecture of Explosive Slowness’, Lo Squaderno. Explorations in Space and Society, no. 26, December 2012, Space – Time – Speed, 9-14.  ISSN 1973-9141

FREE DOWNLOAD FROM: http://www.losquaderno.net

– – –

Stoppani, Teresa (2012) ‘The Architecture of the Disaster’, Space & Culture, 15:2, May 2012, ‘Spaces of Terror and Risk’ (David Wills, Cerwyn Moore, Joel McKim, eds), Sage, 138-153.

DOI:10.1177/1206331211430018

http://sac.sagepub.com/content/early/2012/04/19/1206331211430018

Abstract: This essay considers the irruption of the designed destructive event in the order of the project of architecture. The artificial disaster brings onto architecture destructive sudden forces that operate against it with an intensity and a speed that are different from those that are at play in it. It imposes on architecture the man-devised, forceful and violent interference of a project that is alien to that of architecture. The violent orchestrated event in space is interpreted here as a paroxysmal – explicit, sudden, violent – actualization of the forces that contribute to the shaping of the environment. Design and planning are about space definition and form making, while the destruction inflicted by the disaster concerns the undoing of form, of planned orders, of structures (be they societal, urban, economic, national).   Through a series of examples, this text explores those practices which – in architecture and around architecture – work on and with the energy released by the disastrous event. It aims to understand the effects of the planned disaster on the wider questions that the discipline of architecture needs to ask, and suggests that silence – or, the project of silence of architecture – is an act of design too.

Conferenza nell’ambito del ciclo DELL’IMMATERIALE,                                                               Fondazione Querini Stampalia, 11 novembre 2016, ore 17

Robert McCarter

ATMOSPHERE IN THE ARCHITECTURE OF CARLO SCARPA

manifesto-mccarter_stampa-1

SPAZIO ARTE ARCHITETTURA Sguardi iberici, a cura di R.Bocchi e C.Pirina, Salotto Longhena Iuav-Muve, Palazzo Ducale, Venezia 19-01-2016, con interventi di Jorge Ramos, Carme Pinos, Fabrizio Barozzi

salotto longhena_programma sguardi iberici (1)

DSC_6894

 18 gennaio 2016

lezione conclusiva del corso dedicata a Raffaele Panella, Architetture per una città in evoluzione, ore 14, Terese, aula B

Panella

 

 

Le forme della luce e il lavoro dell’ombra

poster

vedi anche:

http://docu.iuav.it/33/1/ARCHITETTURA_E_LUCE.pdf

conferenza di

Franca Pittaluga

30 novembre 2015

Cotonificio, aula G

ore 14

nell’ambito dell’insegnamento di teorie dell’architettura, docenteRenato Bocchi

ROOMS Project, martedì 10 novembre 2015 ore 14,00 Venezia, Palazzo Badoer, aula Tafuri

 locandina ROOMS (2)

Seminario su   MONTAGGIO E DERIVA. Due casi di narrazione visuale

Anna Ghiraldini e Giovanna De Filippis

ne discutono: Renato Bocchi e Carmelo Marabello

Lunedì 9 novembre, ore 14 e lunedì 16 novembre, ore 14

locandina_

Monumentalità aperta

due conferenze di

Fabrizio Barozzi

4 maggio 2015, ore 17,00

Cotonificio, aula gradoni

3 giugno 2015, ore 10,00

Cotonificio, aula gradoni

1Barozzi1

vedi anche:  https://www.youtube.com/watch?v=E3SVQITzTw4

The cella was empty (La Cella Era Vuota)
opere di Paul O. Robinson

mostra a cura di Agostino de Rosa e Alessio Bortot
25 maggio> 5 giugno 2015
Cotonificio
spazio espositivo Gino Valle
h. 10 > 19

Opening 25 maggio
17.00

interventi
Carlo Magnani
direttore del dipartimento Culture del progetto
Agostino De Rosa
docente dipartimento Culture del progetto
Robert M. MacLeod
Professor & Director, University of South Florida School of Architectrue
Paul O. Robinson
Not From Scratch
attività culturali

The cella was empty (La Cella Era Vuota)

opere di Paul O. Robinson

mostra a cura di
Agostino de Rosa
e Alessio Bortot

25 maggio> 5 giugno 2015
cotonificio
spazio espositivo Gino Valle
h. 10 > 19

opening
25 maggio 2015
auditorium
h.17

scarica la cartolina >>

english version >>

La forma dell’assenza: Radiografie|Dipinti|Reliquiari >>

website Paul O. Robinson >>

opening

interventi
Carlo Magnani
direttore del dipartimento Culture del progetto
Agostino De Rosa
docente dipartimento Culture del progetto
Robert M. MacLeod
Professor & Director, University of South Florida School of Architectrue
Paul O. Robinson
Not From Scratch

La cella era vuota e note sulla mostra
(traduzione di Francesco Bergamo)

“Ma la fantasia è vasta come l’universo moltiplicato per tutti gli esseri pensanti che lo abitano. È la prima venuta tra le cose, interpretata dal primo venuto; e se quest’ultimo non ha l’anima che getta una luce magica e sovrannaturale sull’oscurità naturale delle cose, essa è un’inutilità orribile, è la prima venuta contaminata dal primo venuto. Qui dunque non vi è più analogia, se non per caso, ma al contrario torbidezza e contrasto, un campo variopinto per assenza di una cultura regolare.”
Charles Baudelaire

“… [nel sogno] Il segreto per penetrare nell’oggetto così da riorganizzare il modo in cui appariva era semplice quanto aprire la porta di un armadio. Forse era soltanto questione di essere lì quando la porta si apriva da sé. Eppure, dopo essermi svegliato, non riuscivo a ricordare come fosse successo e non sapevo più come entrare nelle cose.”
John Berger, “Steps Towards a Small Theory of the Invisible”, 2001

La mostra La Cella Era Vuota presso l’aula Gino Valle all’Università Iuav di Venezia indaga le relazioni tra identità e anonimato, nell’ambito della rappresentazione, come un mezzo per costruire forme basate su immagini e tridimensionali – enfolded reliquaries1 – che incarnano l’evidenza degli spazi occupati e dei loro artefatti, mentre neutralizzano le reciproche differenze attraverso vari processi trasformazionali. La base concettuale per questo lavoro emerge in parte dalla lente poetica di Michel Deguy, impiegata per ristabilire il contenuto narrativo all’interno di processi artistici formali.

La Cella Era Vuota
di Michel Deguy

Il vuoto come lo chiamano
Ma incastonato
Messo nella segreta dell’arca scavata
sarebbe l’assenza di parte per un tutto
E sottratta allo sguardo
La rinuncia ma pacatamente taciuta
Alla simbolizzazione possibile

Nella poesia La Cella Era Vuota, la Cella può essere intesa come uno spazio corporeo – un corpo presente; il vuoto, posto segretamente all’interno dell’arca scavata. L’arca è scavata: un atto di rimozione il cui risultante spazio liminale incastona il vuoto. Nella Cella di Deguy l’assenza ha un ruolo, è un artefatto tenuto in risonanza al suo interno e legato al potenziale del divenire – della simbolizzazione possibile. Dentro la cella, la rinuncia è allo stesso tempo perdita e riconfigurazione, e lo spirito dell’immaginazione che genera processi di riconfigurazione.
Qui la poesia dev’essere scavata; giace al di sotto della superficie, come le ossa sotto la pelle, tramutando la morfologia di un copro in una salda atmosfera di resistenza costante, formando la forma; come la natura cellulare di una stanza nel definire l’identità e l’anonimato di una città: lo stampo allo stampato, tra l’una e l’altro – antidosis (il termine antidosis è impiegato qui nell’accezione a cui ha dato forma Michel Deguy nella sua poesia in prosa Timberline, dedicata al lavoro presente in Form of Absence: “La parte è il tutto: ciascuna delle due facce che formano il tutto rimanda all’altra: antidosis tra un linguaggio e il mondo; “scambio di una reciprocità di prove…”. Dall’omonimo trattato di Isaocrate, Antidosi (letteralmente: uno scambio). Il doppio è sempre presente, ed è un mezzo per generare processi progettuali trasformativi.

La mostra presenta immagini e talismani spaziali: artefatti dell’abitare che si trovano nel processo di essere riconfigurati; situati e preparati al riuso. Buona parte del copro artefattuale (Artefatto, sostantivo: un prodotto della concezione o dell’azione umana, che si differenzia da un elemento innato; Artefattuale, aggettivo: relativo a un artefatto e alle sue qualità) – oggetti tridimensionali, dipinti e radiografie – emerge da mesi di documentazione in situ negli spazi dell’atelier di Jože Plečnik a Lubiana, in Slovenia.
Il lavoro inizia con radiografie eseguite sul posto; spazi e artefatti sono mostrati tramite un dispositivo portatile per i raggi X. L’immagine a raggi X oltrepassa gli attributi riconoscibili – fisici – aprendo le strutture interne per l’investimento di narrazioni riconfigurate. I dipinti a olio in rilievo sono quindi deposti direttamente sulle radiografie, che sono poi nuovamente ri-eseguite. L’immagine composita stratificata – enfolded – è ricostituita sotto forma di uno stampo per gettare il reliquiario tridimensionale. Tutte le realizzazioni sono in dimensione reale. Il reliquiario non contiene l’oggetto.

Al suo interno non c’è uno spazio che lo accolga. Invece, l’oggetto originario esiste solamente come traccia processuale, incastonata come un’azione del passato; una musa generativa, che ricompone reliquiario e oggetto come un tutt’uno indecifrabile che manifesta analogia piuttosto che mimesis. Reintroducendoli in un luogo nuovo ed estraneo, i reliquiari – ora interventions – importano una storia rinnovata che funge da narrazione materiale connettendo il contesto ai reliquiari. La doppia interfaccia tra i reliquiari e il loro contesto spaziale va intesa come un’architettura che rielabora le distanze liminali – dialettiche – tra esistente ed estraneo.
Per questo il lavoro è doppiamente “site specific”; è colto da un luogo – la sua origine – e riconfigurato in relazione al suo nuovo sito, l’aula Gino Valle all’Università Iuav di Venezia. Comprende nuovi materiali realizzati appositamente per questa mostra e altri provenienti da Form of Absence, l’installazione ospitata nel 2013 presso il Contemporary Art Museum di Tampa, in Florida.
La mostra – fluttuando tra modalità e architettoniche – struttura la possibilità di interazioni dirette tra narrazioni artefattuali e spaziali che si (rap)presentano come una conseguenza sintetica: una rielaborazione dialettica – corporea – di tracce dell’abitare. Questo lavoro è da considerarsi come un punto di molteplici partenze.

note
1L’enfolded reliquary è un reliquiario all’interno del quale un artefatto è incorporato nel contenuto materiale dell’oggetto invece che ospitato nel volume di uno spazio predeterminato. L’artefatto e il suo contenitore sono considerati sinteticamente. Un reliquiario è comunemente visto come un recipiente o un contenitore che ospita un artefatto significativo – una reliquia. Spesso il contenitore e il suo contenuto non hanno una vera e mutua relazione intrinseca, e tuttavia la reliquia è portatrice di un significato che travalica il contenitore e assume una forma narrativa – spesso mitologica – nelle menti di coloro che considerano importante l’artefatto; il reliquiario instaura una connessione tramite la mediazione. Per estensione (ma forse anche direttamente) un edificio è un reliquiario, e lo stesso si può affermare anche per una scultura o per un dipinto. Sono analoghi. Del tutto racchiuso nei loro processi (e nelle loro storie) corporei e in accordo con come vengono esperiti c’è uno spazio che potenzialmente connette l’oggetto e chi è presente nel suo spazio. L’enfolded reliquary è più un copro materiale che rivela il suo contenuto avviluppando la sua storia, e la storia della sua realizzazione, fino al punto in cui sia il contenitore che l’oggetto si trovano ad essere la stessa cosa.

 Cecità del vedere conferenza diAgostino De Rosa14 aprile 2015Magazzino 6, aula 0.1-0.3ore 17.30

nell’ambito dell’insegnamento di teorie dell’architettura di Renato Bocchi, corso di laurea magistrale in arti visive e moda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...